IL MIO VOLO LIBERO | UNA DONNA SULL’OCEANO

 

Un monologo di Xenia de Luigi, che racconta la storia di Amelia Earhart, una famosa aviatrice vissuta negli anni ’20 in America, con Martina Pittarello
da un’idea di Antonella Della Giustina

La storia di Amelia Earhart è quella di una donna che ha creduto nei suoi sogni, fino in fondo.  In un’epoca, gli anni 20 del secolo scorso, in cui per una donna quasi tutto era impossibile, lei ha voluto essere felice. Ha deciso che esaudire il suo grande sogno di volare fosse fondamentale non solo per ottenere la felicità, ma anche per la sua realizzazione personale e quindi, come diceva lei, “lo ha semplicemente fatto”.
Una donna pilota, la prima a compiere un volo transoceanico, a tentare il giro del mondo, era e forse lo è ancora, qualcosa di impensabile, di inconcepibile.
Eppure Amelia, si è tagliata i capelli, si è comprata un aereo e ha compiuto tutte queste imprese, più moltissime altre.
Senza preoccuparsi che il suo essere donna avrebbe potuto fermarla, senza sentirsi neanche per un minuto un essere debole o “inferiore”.
Si è presa la sua metà di cielo, con il sorriso e il piacere di volare.
Affrontando le proprie paure e godendo di ogni minuto lassù, sopra la Terra. Perché questo fanno gli eroi e le eroine dei Miti: vivono come noi non siamo in grado di fare. Vivono come vogliono.

 

I racconti del colore e delle emozioni

.

Gioia, sorpresa, rabbia, disgusto… Una metafora per cui i colori primari mescolati tra loro danno origine a infinite sfumature emotive.  E il teatro, come un maestro, le racconta.

 

24 novembre 2016

IL SOGNATORE tratto da L’inventore di sogni di Ian McEwan Con Roberto Anglisani

Il sognatore è Milo, un ragazzo difficile ma curioso della vita, che in questo sognare ad occhi aperti entra in altre vite, si trasforma, diventa piccolo, grande, coraggioso, diventa gatto, fa l’esperienza dell’altro da sè, per poi tornare nel suo corpo più ricco e spesso con accresciuta capacità di affrontare le difficoltà quotidiane. Come nel libro di Ian McEwan la narrazione si svolge frenetica, esilarante, rocambolesca, un continuo succedersi di avventure e trasformazioni che acquistano la consistenza e la corporeità di esperienze vere. Roberto Anglisani ne è interprete travolgente e indimenticabile.

 

Per le classi IV e V della scuola primaria e per la scuola secondaria di primo grado.

Ingresso 5€ (durata 60’)

 

 

26 gennaio 2018 giornata della memoria

LE BAMBINE DI TEREZIN con  paola bordignon di Faber Teater

C’era una volta, e c’era davvero, una piccola città chiamata Terezin, a circa 100 km da Praga.
La grande fortezza di Terezin tra il 1942 e il 1945 diventa una città-ghetto per gli ebrei, un campo modello, un campo per artisti, per privilegiati…   Terezin è “la citta che Hitler regalò agli ebrei”.
“Nello spettacolo racconto di questo campo, abitato da persone speciali che la sera dopo aver lavorato 10 ore per i nazisti fanno musica, fanno teatro, leggono poesie, cantano.
Racconto di Brundibar, un’opera per bambini in cui si canta della lotta contro un tiranno, della visita della Croce Rossa, del film di propaganda girato nel ghetto. E racconto dei bambini, i loro disegni, le loro parole, poesie, diari, frammenti di vite vissute in un mondo di brutalità e finite presto.
15000 i ragazzi passati da Terezin,
142 i sopravvissuti,
4000 i disegni ritrovati.
La leggerezza nelle loro voci, le loro speranze sono uno sguardo diverso sull’Olocausto, come singolare è la storia di Terezin. Dico dell’arte, della musica, del teatro, della poesia che hanno tenuto in vita le persone, le hanno aiutate a restare esseri umani.”

 

Per la scuola secondaria di primo grado.Ingresso 5€ (durata 60’)

 

 

Giovedì 8 febbraio 2018

IL VIAGGIO DI GIOVANNINO Tratto da “Le avventure di Giovannino Perdigiorno” di Gianni Rodari con  Andrea Ruberti di Fratelli Caproni

«Giovannino Perdigiorno è un grande viaggiatore, viaggia in automobile, in moto , in monopattino, a piedi, in aeroplano, viaggia in dirigibile, col carrettino a mano, con il treno diretto e con l’accelerato, ma un paese perfetto non l’ha ancora trovato…»
Giovannino cerca un paese perfetto dove gli errori non esistono e viaggia, attraversando paesi fantastici, incontrando persone di razze diverse, che hanno nasi a forma di pipa o che rimbalzano come palle di gomma che vivono nei frigoriferi o in case di cioccolata. Ogni volta impara qualcosa e capisce che l’esperienza del viaggio è più importante di qualsiasi perfezione, perché ti fa crescere. Impara che nel viaggio tutto è compreso, anche l’errore, e quando si sbaglia è un po’ come cadere… tuttavia un buon viaggiatore trova sempre la forza di rialzarsi e proseguire nel suo cammino.

 

Per la scuola primaria.Ingresso 5€ (durata 50’)

 

 

Mercoledì 7 marzo 2018

LE LACRIME DEL PRINCIPE Liberamente ispirato a “Il mago dei Colori” di Arnold Lobel   Compagnia Mattioli 

In un regno viveva un principe, che quando era piccino aveva una voce incantevole.

Con il passare degli anni in quel regno tutto grigio e nero la voce del principe si affievolì fino a scomparire.

E non solo … più passava il tempo e più il principe si sentiva stanco con solo una gran voglia di dormire.

Un giorno mentre il principe stava sonnecchiando dalla noia si accorse che dagli occhi stava uscendo del liquido trasparente; in quel regno nessuno mai aveva perso l’acqua dagli occhi.

L’acqua usciva dai rubinetti, dalle fontane, scorreva nei fiumi, stava nei laghi, ma mai negli occhi.

Da quel giorno la vita del principe e dei bambini del regno iniziò a cambiare.

Per i bambini lo spettacolo è un tuffo nel mondo dei colori e delle emozioni: noia, paura, felicità, tristezza, amore e rabbia.

 

Per la scuola dell’infanzia e per le classi I e II della scuola primaria.

Ingresso 5€ (durata 60’)

 

 

PER INFORMAZIONI

iniziative per la scuola

T 0422.5121

F 0422.579483

perlascuola@fbsr.it

www.fbsr.it

 

HALLOWEEN una sera da paura

 

HALLOWEEN una sera da paura

Martedì   31  ottobre

 

Auditorium Altaforum

P.tta Don Domenico Pianaro, 7
35011 Campodarsego, Padova

ore 20.00 MAGIE DI  FUOCO   Accoglienza e performance

ore 21.00 I TRE PORCELLINI Cosa può capitare se tre clown scappati da un circo ed un vecchio attore di teatro decidono di raccontare la famosa storia dei tre porcellini? Basta cambiare i nasi rossi in musi rosa ed ecco che la fiaba prende forma, con un lupo pronto a pavoneggiarsi e tre porcellini che danno vita ad una serie di gag e situazioni divertenti e surreali.